Tag Archives: homo consumans

14 agosto 1958

La spiaggia è un teatro di innnumerevoli figure alla Bosch. Gambe, pance, seni, sesso. Corpi avvizziti e deformati dalla vecchiaia, volti che assomigliano a tutte le specie animali. Umanità nuda che sa di carnaio. Quasi tutti i vizi sembrano rappresentati in questo o quel tipo. Ogni corpo ha una sua storia, un suo dramma: spesso è una caricatura grottesca. Certo si potrebbe anche dire che si vedono delle belle donne e degli uomini belli. Eppure hanno qualcosa di artificiale e di costruito. L’occhio cerca, invano, finché si posa sui bambini nei quali la vicenda umana si rinnova per riprendere tenacemente il cammino nnostante la tristezza, il grottesco, il diabolico.
Una piccola francese di quattro anni. Corre in acqua appena può e dopo ogni bagno si addormenta. Reagisce immediatamente a qualsiasi stimolo, buono o cattivo. Piange e ride. I suoi occhi sono di un azzurro vorace, quasi aggressivo.
Senso della vita che si rilancia: intenzionalità. Il processo vivente non avanza mai come una scala, un gradino dopo l’altro. è una curva che tocca un massimo e poi discende, si depaupera, si disgrega. Momenti nei quali ogni essere vivente, ogni civiltà, toccano il meriggio nell’aspirazione alla propria essenza.
Negli occhi dei bambini c’è la purezza del vento del martino sul mare: dell’orizzonte aperto al possibile.

da Diario fenomenologico, Enzo Paci, Il Saggiatore

pubblicità prima delle proiezioni per i bambini

Guy Debord

Alla Cortese Attenzione dell’Ufficio Marketing dell’UCI Cinema:

comprendo che l’attenzione di un bambino è un ottimo induttore di consumi nel genitore, ma un po’ di buon senso e intelligenza nell’inevitabile marketing li possedete? vi concedo una lezione gratuita: quando un genitore porta il proprio figlio di tre anni a vedere barnyard-il cortile, non si aspetta di dover arginare nel proprio pargolo la paura suscitata dall’urlo di una donna che non viene salvata dal superman privato di redbull né di spiegare con largo anticipo che i bambini non si fanno tra un cambio e l’altro di jeans e neppure di spiegare o giustificare l’esistenza di un giovane hannibal lecter. perché non proponete le anteprime di film di animazione per bambini? oppure non consentite l’ingresso in sala solo dopo 20 minuti dall’inizio della proiezione, in modo da evitare l’inquietante battesimo di violenza e non senso? non porterò più mia figlia all’uci cinema e sconsiglierò qualsiasi genitore dal farlo. Michelle Müller

Buon giorno,

l’ingresso in tutti gli UCi Cinemas è consentito fino a 20 minuti circa dopo l’orario di inizio comunicato (anche in biglietteria noterà che è possibile acquistare i biglietti fino a 20 minuti circa dopo l’orario comunicato). Di conseguenza, con un bambino così piccolo può tranquillamente entrare in sala a inizio proiezione del film evitando di vedere tutta la pubblicità che lo precede.
Speriamo di riaverla tra i nostri fedeli spettatori,

cordiali saluti,

Dott.ssa Maria Chiara Nava
Brand & Communication Manager
UCI ITALIA S.p.a.
Via Melchiorre Gioia, 168
20125 Milano

Gentile et ovocitica Dott.ssa Nava,
io potrei oggi entrare in sala 20 minuti dopo l’inizio della proiezione, perché ho già una volta subito il vostro ‘battesimo’.
La sua risposta e il fatto che non sia visibile un cartello in cui si sconsiglia l’ingresso ai bambini in sala prima dei 20 minuti di gavettone pubblicitario, mi inducono a pensare che voi gestori del marchio e della comunicazione garantite agli sponsor l’effetto sorpresa per coloro che entrano in sala per la prima volta con i pargoli e la partecipazione degli automi spermatici ed ovocitici che non si sono neanche resi conto di cosa viene proposto ai loro figli.

Che risposta priva di vitalità la sua e che triste e cinico lavoro deve essere il suo, privo di produzione di senso e bellezza…

saluti,

Michelle Müller

Buon giorno,
La frase “il film inizia circa 20 minuti dopo l’orario indicato; i biglietti sono acquistabili fino a circa 20 minuti dopo l’orario indicato” è riportata sulla newsletter settimanale con i nuovi film in uscita, sul volantino cartaceo con la programmazione dei film distribuito nei cinema oltre che su altri vari mezzi di comunicazione.
La ringrazio per la sua email piena di senso e di bellezza.
Buona serata

Dott.ssa Maria Chiara Nava
Brand & Communication MAnager
UCI ITALIA S.p.a.


il suo titolo quindi non le consente di esprimere un pensiero personale?
lezione di semiotica: sconsigliare chiaramente l’ingresso prima dei 20 minuti proprio a causa della pubblicità è molto diverso dall’indicare la possibilità di entrare con 20 minuti di ritardo. Michelle Mülle

homo consumans


da un’ora cerco senza successo su http://images.google.it/ un’immagine che riproduca lo spazio compreso tra un paio di occhi ed uno schermo televisivo o cinematografico: sguardo osceno, imbarazzante.

ecco la scansione di un’immagine tratta dal libro di guy debord opere cinematografiche bompiani

 

tale oscenità è il motivo per cui è invece facile trovare immagini che escludono tale sguardo:

 

cosa si consuma in metropolitana


l’atac dovrebbe scegliere: o i soldi da biglietti e abbonamenti o quelli dalle case discografiche e dalle pubblicità. sono costretta a sentire della musica che mai sceglierei liberamente e mia figlia è costretta a notare, con un po’ di diffidenza, che i vampiri e i licantropi bevono preferibilmente un certo tipo di birra.
lettura consigliata oggi: disobbedienza civile di henry david thoreau, demetra, collana acquarelli anarchici

www.ariannaeditrice.it/recensione.php

 

morte di giampiero cassio

 

ieri alla fermata garbatella della metropolitana della linea B, icaro è morto.

da “Il Corriere della Sera”

Cieco travolto dal metrò “Le stazioni sono insicure”.
Le associazioni: mancano indicatori acustici e luminosi.
Roma, finisce tra due vagoni mentre tenta di salire.
ROMA – Stava andando al lavoro.
Centralinista di Bankitalia, autonomo da sempre, malgrado fosse cieco dalla nascita.
Giampiero Cassio, 61 anni, moglie e due figli, prendeva la metropolitana ogni mattina, accompagnato solo dal suo bastone bianco telescopico.
Ma ieri dev’essersi confuso.
Qualcosa, fatalmente, deve averlo ingannato.
Quando alle 8.40 è arrivato il treno alla stazione Garbatella forse ha pensato che quello spazio vuoto fosse la porta aperta del metrò. Ha allungato il bastone.
Si è fidato.
Invece, era il buco esterno tra i vagoni, 50-60 centimetri di misura, l’equivalente di mezza porta.
Giampiero Cassio è caduto tra i binari.
Il convoglio, pochi secondi dopo, è ripartito.
Una morte orrenda, il bastone bianco è stato ritrovato a 60 metri.
Il macchinista non si è accorto di nulla.
E così pure, stranamente, gli altri passeggeri.
Neanche le telecamere di sicurezza hanno ripreso la scena.
Solo una donna, sulla banchina opposta, l’ha visto cadere e ha cominciato a urlare, a sbracciarsi, per attirare su di sé l’attenzione dei sorveglianti.
Troppo tardi.
All’inizio si era pensato a un suicidio, poi qualcuno ha notato quel bastone bianco, rotto e insanguinato.
E la storia è diventata un’altra.
Il pm Maria Bice Barborini ha già aperto un fascicolo.
La società che gestisce la metropolitana di Roma (Met.Ro) ha avviato a sua volta un’inchiesta.
Si è scoperto, così, che nella stazione di Garbatella, linea B, mancano i percorsi tattili per i ciechi, previsti dalle nuove norme. “Il governo, però, ha definanziato la legge 211, con quei fondi avevamo già adeguato almeno 11 fermate tra linea A e linea B – si difende Mario Di Carlo, assessore ai Trasporti del Comune di Roma -. La verità è che dopo l’11 settembre 2001 tutte le risorse destinate all’ammodernamento del metrò sono state impiegate per le misure antiterrorismo nelle stazioni.
Così abbiamo dovuto trascurare gli altri interventi”.
In Campidoglio, dopo la tragedia, il consigliere delegato per i problemi dell’handicap Ileana Argentin (Ds) ha presentato un ordine del giorno per chiedere di rimuovere entro il 30 settembre prossimo le barriere sensoriali lungo tutta la linea B. “Come amministrazione – ha detto – siamo in parte responsabili di quello che è accaduto.
Sono sconvolta.
I ciechi, così come tutti gli altri cittadini, hanno diritto all’uso dei trasporti pubblici”. Il sindaco Walter Veltroni ha appoggiato l’iniziativa del consigliere, esprimendo profondo cordoglio alla famiglia di Giampiero Cassio: a sua moglie Rita, insegnante, e ai figli Simone, 21 anni e Benedetta di 12.
Ma ai responsabili delle metropolitane di Roma, Milano, Napoli e Genova, ieri, il presidente nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi, Tommaso Daniele, ha inviato una lettera durissima: “Una morte non per errore, non per distrazione, quella di Giampiero Cassio – ha scritto il presidente -. Non una morte per caso, ma una morte per mancanza di protezione”.
“Non possiamo non chiederci – prosegue Tommaso Daniele nella sua lettera – se per ipotesi le aziende non preferiscano rischiare di pagare danni ai superstiti delle vittime, piuttosto che porre mano efficacemente alla realizzazione di sistemi di protezione per i passeggeri.
Purtroppo questo incidente è soltanto uno di una lunga serie.
Ogni volta il cordoglio e l’indignazione sono esplosi, ma poi nulla è cambiato.
Nessuna misura efficace è stata presa”.
Già, le misure. “Più volte – conclude amaro il presidente dell’Uic – ci siamo rivolti alle amministrazioni competenti chiedendo di installare sistemi di annuncio delle fermate, di creare strisce di protezione lungo le banchine, di predisporre indicatori di direzione, acustici e luminosi come in molte città europee.
Ma nulla o quasi nulla è stato fatto”