Tag Archives: cesare vivaldi

morte del turista amico

moneglia foto di naturamediterraneo.com

L’omu che fermu in sce a colla u fasgèva
fotografie au panuràma u l’è mortu,
mortu in pe sempre, finìu. Nu pasgèva
mai che a duvesse murtàse in t’e l’ortu

serràu d’a valle sta lusge, u pasgèva
eternu st’omu da e braghe a la sport
che eternamente da a colla u fasgèva
fotografie au panuràma. Balordu

miu usgelli in pe l’aia gianca: i sgura
in silensiu, carandu da a muntagna
cume stendardi barbareschi. Negri

in t’u ventu i me mieàn alegri.
Are e passa e e repassa in sce a campagna:
cun velle a vita in t’u ce a se dermùra.

da Poesie liguri vecchie e nuove, Cesare Vivaldi, All’Insegna del Pesce d’Oro

 

trad.dell’A.

L’uomo che fermo sulla collina faceva fotografie al panorama è morto, morto per sempre, finito. Non pareva che dovesse mai spegnersi nell’orto
chiuso della valle questa luce, pareva eterno quest’uomo dai calzoni sportivi che eternamente dalla collina faceva fotografie al panorama. Storidito
guardo uccelli nell’aria bianca: scivolano in silenzio, calando dalla montagna come stendardi barbareschi. Neri
nel vento mi guarderanno allegri. Ali passano e ripassano sulla campagna: con esse la vita si diverte in cielo