Category Archives: teatro

cinema totale

“Dopo la guerra in corso, si fabbricheranno in grandi serie degli apparecchi riceventi perfezionati. Ma riceveranno solo spettacoli mediocri. Per fabbricare un film che dura due ore occorrono parecchi mesi di lavoro, di messa a punto, di scelta, e un numero considerevole di milioni. Uno studio televisivo, che trasmetterà anche soltanto dieci ore al giorno di spettacolo sempre nuovo, non potrà permettersi il lusso di una tale preparazione. Le emittenti si trasformeranno in surrogati di teatri, e ci mostreranno tutti i divi e tutti i repertori delle sale sovvenzionate. Inframezzeranno questi spettacoli polverosi con vedute all’aria aperta, con attualità sportive. Utilizzeranno tutto quello che non costa niente. E, naturalmente, cercheranno di proiettare dei film. Nondimeno le compagnie capitaliste di produzione si opporranno, perché se lo spettatore riceve il cinema a casa, non passerà più al botteghino. Come prendergli, allora, il suo denaro?
Anche se il cinema diventa un’industria statale, lo Stato non potrà distribuire gratuitamente, al vento, ciò che sarà costato tanti sforzi e inoltre somme sempre più considerevoli. Dovrà trovare il mezzo di fare pagare lo spettatore in camera sua.”

 

“Comunque, qualunque sia il procedimento che sarà adottato, il cinema disporrà un giorno del volume, come dispone oggi del suono e del colore.
Cosa se ne farà? I primi realizzatori che utilizzeranno il rilievo si divertiranno a dare alle folle il fremito della sorpresa e della paura. Sugli spettatori tranquillamente seduti sulle loro poltrone, precipiteranno delle macchina urlanti, delle belve inferocite, delle tempeste.
Passata la prima emozione, con il mondo abituato a questo nuovo giocattolo, occorrerà diventare seri. Allora i commercianti, che sono i padroni del cinema mondiale, reclameranno cosce e seni, poiché è ancora questo che attira di più i consumatori. E potendo offrirglielo a colori “naturali” e in rilievo, “dando così perfettamente l’illusione della realtà”, e certo che essi correranno ai botteghini.”

 

da Cinema totale di René Barjavel, Editori Riuniti, 2001, trad. di Ribes Sappa

Il libro è stato scritto tra i primi anni ’30 e il 1940, uscito fortunosamente il 20 luglio 1944 per le éditions denoël

gioco della dispersione

 

 

Tommaso Landolfi

Carlo Emilio Gadda

Achille

Carmelo Bene

Danilo Dolci

il silenzio di Dio in Dostoevskij e D’Arzo di Silvio Castiglioni

Jean Cocteau

La Coquille et le Clergyman di Antonin Artaud parte 1 , parte 2 e parte 3

di tanto vivere convinto

Molte di più, 4
o 5,le voci nella gola
mia figlia cambia e ricrea

nel giocare da sola;
quasi in ali di cera
a rivestire pupazzi,

opprimendoli già di doveri
scolastici, con sillabe
e deliziosi rancori

quando inveisce: “su Paolo”,
restio a capirle i furori
di tanto vivere convinto,

lui, che la sa lunga
sulla storia dell’esistenza,
essendo solo un birillo dipinto.

da Siamo esseri antichi, Carlo Villa, Einaudi

metti una sera in libreria, e ci scappa pure l’aperitivo


samuel beckett

Metti una sera in libreria, e magari ci scappa pure l’aperitivo.

Funziona così: si arriva alla Libreria Libri Necessari in via della Madonna dei Monti 112 e si scorge una prolunga esterna, nello spazio antistante una poltrona a marcare il territorio. Venerdì 25 e sabato 26 maggio due serate dedicate a coppie inverse, rispettivamente Nagg e Nell di Finale di partita di Beckett e Adamo ed Eva del Diario di Mark Twain.
Da quella che ben si può definire l’ultima coppia del teatro dell’assurdo, all’innocenza disarmante della prima coppia del mondo. Coppie per voce sola, quella di Monica Perozzi, che prima e dopo la lettura, come un abile maitre, innaffierà il tutto con dell’ottimo prosecco.
L’appuntamento è alle ore 19.00, per un incontro di ars brevis al tramonto. Tutto si ripeterà venerdì 1° e sabato 2 giugno, stesso spazio, stessa ora.

 


mark twain