All posts by milaaudaci

ancora family day

la chiesa si rinnova

il mondo ha fretta e continua a cambiare
chi vuol restare a galla si deve arrangiare.
anche la chiesa che sembra non si muova
ogni tanto ci ripensa e ne inventa una nuova.
e dimostrando un notevole tempismo
ha già tirato fuori un nuovo catechismo.
dove tutto è più aggiornato dove tutto è più moderno
e anche a vincere un appalto si rischia l’inferno.
dove il senso di giustizia è ancora più forte
e talvolta è anche gradita la pena di morte.

e la chiesa si rinnova per la nuova società
e la chiesa si rinnova per salvar l’umanità.

in questo clima di sgomento per il popolo italiano
viene fuori l’acutezza del pensiero vaticano.
e tutti hanno capito che il papa era un genio
quando ha detto che la mafia è figlia del demonio.
ma quello che spaventa è il coraggio della cei
che ha già riabilitato galileo galilei.
e adesso se divorzi ti puoi anche risposare
a patto che stai buomo e non ti metti a scopare.
ma il nuovo sacramento per essere senza macchia
va fatto di nascosto e in un’altra parrocchia.

 

e la chiesa si rinnova per la nuova società
e la chiesa si rinnova per salvar l’umanità.

da oggi il praticante ha un’altra prospettiva
più allegra e disinvolta direi quasi alternativa.
la pillola per ora non può essere accettata
ma è ammessa se prevedi di esser violentata.
e piuttosto che far uso dei preservativi
è meglio diventare tutti sieropositivi.
d’altronde per la chiesa l’ideale è l’astinenza
che è un po’ come l’invito all’autosufficienza.

e la chiesa si rinnova per la nuova società
e la chiesa si rinnova per salvar l’umanità.

da roma il santo padre ci invia il suo messaggio
è lì ogni domenica a parte quando è in viaggio.
lui voleva andare in bosnia l’aveva stra annunciato
ma all’ultimo momento c’ha un po’ ripensato.
perché l’uomo è santo  e pio ma è anche molto scaltro
lui lo sa che morto un papa se ne fa subito un altro.
e adesso ha scritto un libro che è già un grosso evento
sarà anche un po’ acciaccato ma non sta fermo un momento.
perché la chiesa è sempre all’erta combatte e fa scintille
e per questo è giusto darle un bell’otto per mille.
anche se i traffici loschi della santa sede
sono parte integrante dei misteri della fede.

e la chiesa si rinnova per la nuova società
e la chiesa si rinnova per salvar l’umanità.

Giorgio Gaber

 

proposta petizione: aldo forbice radiato

oggi il prezzemolissimo giornalista (per carità) e scrittore (per carità) aldo forbice ha visto pubblicato su e polis roma (un giornale distribuito gratuitamente nei bar) un esilarante articolo dal titolo “il buio di rignano e i benpensanti neutrali” ( scaricabile dal sito http://www.epolisroma.it/)

il signor fobice, dopo 87 righe di brodo, conclude con innegabile coraggio (la mia maestra delle elementari, la sciura enrichetta, mai avrebbe firmato un testo così malscritto) ma senza coerenza: “e come si fa ad assolvere (come ha fatto una nota presentatrice tv) gli arrestati senza alcuna prova? certo la presunzione di innocenza va sempre salvaguardata, ma prima di emettere facili sentenze di assoluzione, lasciamo almeno che l’inchiesta si concluda”.

ma il forbice riesce a raggiungere picchi di umorismo ancora più elevati e lo scopro sgranando le sue poesie

tra cui questa:

…magari fosse vero!

mischiare le carte

 


femme aux seins nus, andré kertesz, 1921

…poi che nella sorda lotta notturna
la più potente anima seconda ebbe frante le nostre catene
noi ci svegliammo piangendo ed era l’azzurro mattino:
come ombre di eroi veleggiavano:
de l’alba non ombre nei puri silenzii
de l’alba
nei puri pensieri
non ombre:
piangendo: giurando noi fede all’azzurro.

da Immagini del viaggio e della montagna, Dino Campana, Canti Orfici

 


le beau-frère de l’artiste, duna haraszti, andré kertesz, 1917

scrivere il curriculum

cos’è necessario?
è necessario scrivere una domanda,
e alla domanda allegare un curriculum.

a prescindere da quanto si è vissuto
il curriculum dovrebbe essere breve.

è d’obbligo concisione e selezione dei fatti.
cambiare paesaggi in indirizzi
e malcerti ricordi in date fisse.

di tutti gli amori basta quello coniugale,
e dei bambini solo quelli nati.

conta di più chi ti conosce di chi conosci tu.
i viaggi solo se all’estero.
l’appartenenza a un che, ma senza un perché.
onorificenze senza motivazione.

scrivi come se non parlassi mai con te stesso
e ti evitassi.

sorvola su cani, gatti e uccelli,
cianfrusaglie del passato, amici e sogni.

meglio il prezzo che il valore
e il titolo che il contenuto.
meglio il numero di scarpa, che non dove va
colui per cui ti scambiano.
aggiungi una foto con l’orecchio in vista.
è la sua forma che conta, non ciò che sente.
cosa si sente?
il fragore delle macchine che tritano la carta.

wislawa szymborska da gente sul ponte, scheiwiller

la papera e il lupo

la papera e il lupo, storia di marta, burattini di marta e mila

 

c’era un giorno una papera che passeggiava seguita da

 

un LUPO GRANDE GIGANTE GROSSO E BUONO

 

che voleva solo dire ciao e giocare con lei con un gran sorriso.

ma la papera pensa che il lupo la voglia mangiare e allora fa un grosso grosso

PETO!

e il lupo

sviene ma non muore.

e poi si spiegano e giocano insieme.

 

il buco e i puntini

“Mamma, ho sognato che non riuscivo a uscire da un buco ed ero molto triste” (Marta, 3 anni, nata dopo un lungo travaglio, parto con ventosa al quale seguono sei giorni di incubatrice).

.-.-.

“Cos’è allora nascere, se non una sorta di fine del mondo, una cacciata dall’Eden, e vissuta da un essere già in qualche modo cosciente? Certamente un momento traumatico, quel tunnel da traversare per uscire dal buio. Ma è un male per un bene più grande.” (Dr. Carlo V. Bellieni, neonatologo dell’Ospedale Le scotte di siena)

.-.-.

L’incubo ricorrente di quando ero bambina: puntini luminosi che mi vengono incontro velocemente e la sensazione è quella di caduta irreparabile, terrificante.

.-.-.

“Ogni sensazione si fa infinita; sembra loro che davanti ai loro occhi dei puntini si allontanino infinitamente, che cose piccole diventino infinitamente grandi e che l’infinito li beva; cercano angosciati una tavola di salvezza, un punto saldo, tutto si scompone, tutto cede, fugge, s’allontana”

da La persuasione e la rettorica, Carlo Michelstaedter, Adelphi

Davanti ai tuoi occhi (…), una miriade di puntini bianchi si organizzano disegnando, a lungo andare, qualcosa di felino, una testa di pantera vista di profilo, che viene avanti, cresce, mettendo in mostra due zanne acute, poi sparisce lasciando il posto ad un puntino luminoso che si allarga, diventa rombo, stella e ti balza addosso, evitandoti all’ultimo momento e passando alla tua destra. (…) Poi nulla, per molto tempo, oppure più tardi, talvolta, da qualche parte, qualcosa come un astro bianco che esplode.

da Un uomo che dorme, Georges Perec, Quodlibet

hello to the new, most important person in you life

“Che cosa ricordano i bambini di quando erano nella pancia della mamma? “Dentro il pancione c’erano i pesciolini e io giocavo con loro. Da lì le nuvole erano arancioni.”. O ancora, dice Ryunsei di 2 anni e 7 mesi: “Dalla pancia della mamma vedevo fuori. C’erano alberi, case, luci. Era come una tenda e io giocavo. Dentro c’erano anche i pesciolini e giocavo con loro.” Mentre Shinnosuke di 1 anno e 8 mesi dice: “Buio nel pancione, caldo, ciac ciac, tap tap. Tanta luce brucia gli occhi.”
Colori, musica, voci e luce. In queste pagine i bambini dagli uno ai sei anni raccontano i lunghi mesi trascorsi nella pancia della mamma e lo straordinario momento della nascita. Le loro parole, raccolte da un medico che studia le memoria prenatale, hanno tutta la poesia e il candore che solo il linguaggio dei piccoli può trasmettere.
Questo libro nasce da uno studio condotto sui bambini da 1 anno a 6 anni ed il risultato è stato stupefacente: il 41 % dei bambini interpellato ha detto di ricordare la propria nascita e il 53 % momenti della vita nell’utero materno.
“Di questi ricordi – scrive Akira Ikegawa – si conosce l’esistenza da almeno un secolo, ma i primi studi scientifici risalgono agli anni Sessanta da cui si evince chiaramente che il futuro bambino sviluppa consapevolezza di sé già nell’utero.
Gran parte dei ricordi dei bambini ha a che fare con i colori, la luminosità e la temperatura nell’utero e con i movimenti del liquido amniotico. Inoltre, risulta spesso che i bambini venuti al mondo con un parto complicato tendono a parlare più diffusamente della loro nascita rispetto a quelli che sono nati senza difficoltà.”

da Quando ero nella pancia della mamma, Akira Ikegawa , Cairo Editore

.-.-.-.

Febbraio 1965, un pomeriggio avanzato

Sono stanco, sfinito e abbattuto. Quindici anni di studio e di ricerca sulla “saggezza, pazzia e follia”, non mi hanno reso affatto più saggio, così pare. Vanità delle vanità.  Mi metto sdraiato sul pavimento del mio studio al 21 di Wimpole Street, disteso sulla schiena nell’ asana di “morte”.

Chiudo gli occhi. Mi lascio andare e in quel mentre chiedo, con tutto il mio cuore, se esiste un potere di guarigione, di darmi qualche indicazione della sua natura.

Mi trovo in una piacevole casa di campagna inglese. Un’ampia stanza con porta-finestra; è un delizioso pomeriggio d’estate avanzata. Un uomo più anziano, forse sulla sessantina, entra nella stanza. Rassomiglia abbastanza a uno di quegli studiosi inglesi che forse un tempo era colonnello o qualcosa di simile.

Non ci eravamo mai incontrati prima, ma non sembra un estraneo. Propone che si vada a fare una passeggiata insieme.

Mentre camminiamo, mi rendo conto del sole. Sembra farsi più vicino: più largo, più caldo. Diventa un’infocata fornace che tutto avvolge. Finché non ne sono del tutto assorbito, ridotto a un tizzone.

Ho fatto di nuovo ritorno a quel punto. Bindu? Mi rendo conto di poterlo oltrepassare. Se lo facessi, potrebbe significare la morte fisica. Mi trovo tra la vita e la morte.

Mi trovo steso sull’impiantito del mio studio. Non posso muovermi. Non posso sollevare le palpebre. Non posso muovere gli occhi. Non posso sollevare un dito. Il respiro, avviene. Posso sentire il pulsare del cuore e del sangue.

Ora voglio muovermi. Mi scruto attorno al corpo per vedere se mi riesce di muovere qualcosa. A un tratto mi si contrae un muscolo della guancia destra. Sono un “solco”, un canale di debolissima energia che scorre lungo il lato destro del viso. Mi riesce di farlo appena vibrare; poi la bocca, poi la lingua, poi il pollice destro, poi posso aprire gli occhi e adesso posso rigirarmi sul pavimento. Ne sono fuori. Ritornato.

Sono ritornato.                                                            Tempo: trenta minuti circa

Ricordo quel singolo tizzone, quel segno, quel puntino.

All’età di tre anni udii mio padre dire a mia madre: “Questa volta gliene do da lasciargli un fil di vita”.

Sapevo che cosa mi aspettava.

Me le diede. Nel farlo, cominciò “letteralmente” a farmi a pezzi.

Sapevo che non c’era più nulla da fare.

Mi contrassi in un unico punto.

Là nessuno poteva prendermi.

Sull’altro lato di quel punto c’era…da dove ero venuto?

Dopo un po’, mi avventurai fuori di nuovo. La via era libera. Il danno non era irreparabile.

dall’Autodescrizione di R.D.Laing ne I fatti della vita. Sogni, fantasie, riflessioni sulla nascita, Einaudi, 1978

.-.-.-.

All’età di due o tre anni, imparando ad addormentarmi senza la presenza dei miei genitori, sbagliavo strada e tornavo indietro fino farmi puntino tra i puntini, poi riemergevo terrorizzata chiamando mia madre, la quale mi rimproverava il non senso dell’incubo che raccontavo, la paura dei puntini verso i quali mi muovevo velocemente.