All posts by milaaudaci

Se io fossi stata al posto tuo e senza Dio

Dormire non sarebbe male. Ah, se solo svenissi! Ma non sono così fortunata. Un collasso, sì, ma un collasso incompleto, consapevole e nel pieno delle mie facoltà mentre mi strazio…Se solo potessi smettere di osservarmi!

Sempre con gli occhi aperti…Essere esausta e non poter dormire!

Non voglio pensare…Inoltrerò un reclamo (…)

***

Ho registrato questo giorno come un obiettivo. Riproduco ogni suono come un disco di grammofono senza un graffio. Sono impressionabile come una pellicola, sensibile alla luce e all’ombra, ai colori più sgarganti (…)

***

Guardo attraverso lo spioncino cieco. E’ completamente nero, la sua perfezione è spietata. Non mi riuscirà di dar vita a ciò che è morto, di far sorgere per incantesimo un mondo dal nulla. Le mie energie si affievoliscono. Non sarò in grado di volare. Rimarrò al suolo, coi piedi per terra.

Saprò ignorare le sbarre? Far crollare le mura? Sfondare le porte pur avendo davanti a me sempre e solo una porta chiusa? Da dove trarrò le forze?

Lo sconforto mi travolge. Dalla fronte mi gocciola il sudore. Schiaccio il viso sullo stipite di ferro. Buon senso, non mi abbandonare! Ho paura. Temo di cadere in preda a una furia selvaggia.

Un occhio lì fuori deve avermi vista. Un nero occhio di traditore mi osserva. Sei falso! Gli do le spalle e comincio un giro monotono. Sei passi avanti, sei indietro, e poi via di nuovo.
Mi metto a leggere le norme di condotta, il regolamento

(…)

Scoppio in lacrime. Piango, piango senza smettere.
Perché mi lasciano sola? Basta che non mi dimentichino. Non mi è rimasto neppure un documento, non ho carta di identità, chi sono? E se si confondono e scambiano i miei atti con quelli di un’altra? E se mi tengono qui per tutta la vita? Perché non mi danno qualcosa da fare? Mi sarà concesso di lavorare? Sarebbe una distrazione. Dirò “So fare qualunque cosa. Mi intendo un po’ di tutto, non c’è lavoro che non sia in grado di svolgere”.  Leggo le scritte sulle pareti:

“Solo chi conosce la nostalgia sa quel che soffro”.

da Prigione, Emmy Hennings, L’Orma Editore, trad. di Marco Federici Solari

Il tempo trascorso da allora è stato piuttosto logorante

Torino, 31 marzo 1942

Cara Filomena,
quest’ultima volta mi sono fermato a Roma abbastanza a lungo e ho pensato che era ridicolo non vedersi affatto come due nemici ereditati e lasciare i nostri saluti a Barberina o ad Antonio. Ma forse questa saggezza un po’ forzata ha ancora una sua ragione e servirà a rimediare a facili errori dell’anno 1941 (questo è il linguaggio a cui ci abituano i troppi giornali sulla guerra). La tua cartolina da Perugia mi ha ricondotto a tempi anche più antichi, a quell’estate di due anni fa in cui non si conoscevano i pericoli futuri e si parlava con eleganza e distacco dei propri problemi personali. Il tempo trascorso da allora è stato abbastanza logorante per il sistema nervoso. Io nutro ora la mia inquietudine di continui progetti e sento sempre più nei limiti esterni alla mia libertà un ostacolo durissimo. Anche tu quando ci siamo lasciati eri piuttosto incline allo spirito catastrofico, ora penso che la tua felice pacatezza romana abbia riguadagnato terreno e mi auguro che divida il tuo tempo fra i vari diritti e i tuoi svaghi personali.

Spero che ci vedremo presto con calma. Un amichevole saluto da,

Giaime

da C’era la guerra. Epistolario 1940-1943, Einaudi, Gli Struzzi, 2000, a cura di Luisa Mangoni

Caro Agafio,
se ti scrivo che l’assenza di libertà fatta subire a tante persone che ho incontrato negli ultimi tre anni mi logora, so che capisci. Sai come’è chiamata l’assegnazione di un centro di accoglienza in Germania? Einweisungsverfügung, cioè provvedimento di internamento: quando l’ho saputo, ho ricordato quel giorno in cui mi dicesti –  commentando i pregi della carta adesiva per risolvere il problema dei pesciolini d’argento – che i tedeschi san bene come uccidere. Le aggressioni del mondo e una certa passività delle persone a cui queste sono indirizzate, mi vuotano: oggi sono un’illettrice o una lettrice intermittente. Due mesi fa sono stata per due giorni ospite senza invito in un centro d’accoglienza in Germania, per fare una visita ad un caro nigeriano espulso dall’Italia. Era il più scuro di quel centro e sono stata testimone di un’esclusione spietata: i compagni di disavventura, tutti di fototipo più chiaro, facevano a gara per occupare la posizione di penultimi, conquistata pulendo gli spazi comuni al suo passaggio oppure invitandolo a non utilizzare un certo bagno. Avevo sperimentato un’assai più moderata forma di esclusione, quando unico fototipo levantino in una situazione di coabitazione, mi ero accorta di suscitare il disgusto nell’ospite che incappava in un mio capello, rimasto nella doccia come unico monumento ai caduti e ripuliti: grazie a questa esperienza, è stato inevitabile coincidere con il mio caro, con un’intensità tale da arrivare a pensare – al buio e con i rumori provenienti dal corridoio così simili a quelli di un ospedale – al suicidio. Ho abbracciato la segregazione del caro ed ho percorso mentalmente gli ultimi passi di Maslax, il ragazzino che si impiccò al ramo dell’albero dei giardinetti dinanzi al centro di accoglienza a Pomezia. Sono tornata a Roma, proprio grazie al mio amico, che quando parla del suo Dio (che io, atea, non provo ad intaccare con l’etilene della logica) ha gli occhi che virano al blu.

Torna, Agafio: negli ultimi tre anni ho parlato con vittime, aggressori, candidati al martirio o indifferenti. Non so quanto sia felice, quella tua pacatezza, ma la vorrei presente nella mia vita e se ho l’ardire di chiedere, è perché conosco il piacere della restituzione.

Conferenza stampa 22 febbraio 2019 Piazza Spadolini a Roma

Dalla pagina fb di Baobab Experience:

Azione civile di tutela dei diritti delle persone trattenute sulla nave #Diciotti, il Ministro Salvini dichiara: «Permettetemi di rispondere con una grassa risata, non prendessero in giro gli italiani, la pacchia è finita, i barconi non arrivano più, al massimo gli mandiamo un Bacio Perugina».

Come dovremmo interpretare questa offerta di una nota marca di cioccolatini destinati agli amanti da parte del Ministro dell’Interno? Una goffa dichiarazione d’amore, un modo per pubblicizzare un altro prodotto o l’ennesima risposta impropria, propagandistica e di scherno a una questione sociale che si fa sempre più drammatica?
Non vogliamo cioccolatini ma il rispetto dei diritti, Ministro, quelli di tutti, i Diritti Umani: ogni precedente che ne avalli la violazione è un pericolo per tutti noi, nessuno escluso.
Per questo dove possiamo offriamo informazioni sulla tutela legale, perché l’inclusione e l’uscita dalla clandestinità, dalla marginalità si fa con l’accoglienza e con l’informazione sui doveri e sui diritti, non con la paura e la coercizione.

Venerdì 22 febbraio ore 13:00 a Roma – Piazzale Spadolini, CONFERENZA STAMPA
Migranti, Rete legale: presentazione dei risultati del 2018 e delle azioni di tutela dei migranti della Diciotti.

COMUNICATO

La jetée

Noialtri siamo tenuti, si sa, dal nostro passato e dall’avvenire. Passiamo quasi tutto il nostro ozio e quanta mai parte della nostra professione, facendoli oscillare in su e in giù in equilibrio. Dove l’avvenire si avvantaggia in estensione, il passato sostituisce il peso, e alla loro fine l’uno e l’altro non si distinguono più, la prima giovinezza diventa più tardi chiara come l’avvenire  e la fine dell’avvenire con tutti i nostri sospiri è, a rigore, già esperienza e passato. Così si chiude quasi questo cerchio lungo il cui margine siamo incamminati. Ebbene, questo cerchio è nostro solo fintanto che lo teniamo; se una volta ci spostiamo per qualche dimenticanza di noi stessi, per una distrazione, uno spavento, uno stupore, una stanchezza, ecco che lo abbiamo perduto nello spazio; finora avevamo ficcato il naso nella corrente dei tempi, ora ci tiriamo indietro ex nuotatori, presenti passeggiatori, e siamo perduti. Siamo fuori della legge, nessuno lo sa e pure ognuno ci tratta in tal senso.

Dalla domenica del 19 luglio 1910, Diari, Franz Kafka, Mondadori (trad. di Ervino Pocar)

Dus(seldorf)k

Warm of the day fades from my skin
I feel the air clasping me tight
A moon of fire singes my skin
With rust red rim burns the eye

The cold of day filling my lungs
In this airless time numbing me blind
A moon of ice cuts into me
With fire light a flaming night

A murmuring blue soft to the touch
Suffocating me like tattered wings
Gossamer damp rests on my flesh
Like moist hands saying still be still

I’m empty inside
The dusk unwinds
Ice fills my lungs
I feel unknown unknown

A shimmering blue
It’s rough to the touch
And it smothers me with tattered wings

And now I’m empty inside
The dusk will unwind
Ice fills my lungs
I feel unknown

And now I’m empty inside
The dusk will unwind
Ice fills my lungs
I feel unknown unknown

I’m invisible I’m inaudible I’m replaceable I’m unknown I’m unknown

And I’m empty inside
The dusk unwinds
I feel I feel unknown

Dusk, Planet Funk

 

Le ciel est triste et beau, Genni, scultura in bronzo (1935)

“Povera umanità, la mia compassione è inesauribile”

Quando godiamo, ci troviamo in un buco che ci acceca. Separati dagli altri, ci aggrappiamo fisicamente a loro. Tenuti lontani dalla gloria e dal progresso, ci illudiamo di gloria e autocompiacimento. Non possediamo niente e niente abbiamo in atto: ci sembra di possedere l’intero universo attraverso un essere specifico. Ci immaginiamo aperti al mondo con il quale comunichiamo, mentre siamo confrontati a un oggetto corporeo che detiene un mondo chiuso. Ne usciamo sempre così poco immortali e indispensabili, e meno lucidi.

da Muscolature, Nathalie Gassel, ES, trad. di Monica Martignoni

pferdesport zentrum

“è dunque proprio vero tutto quel che non ha storia, né senso, né tregua, né misura? … Sì, tutto quello che non è chiaro, e che per me non è niente, e ha meno peso di quanto ne abbia, nelle mie mani nude di donna, una chiave d’Europa tinta di sangue…Ah! è dunque proprio vero tutto questo? … (e che cos’è ancora, qui sulla mia soglia,

“quell’uccello verde-bronzo, d’aspetto poco ortodosso, e che chiamano Starling?)

da II – Poema per la straniera in Esilio, Saint-John Perse, SE Studio Editoriale, trad. di Stefano Agosti