The hellenized woman notes again about the narcissistic tyrant (parte 1)

Volendo sottomettere alla grandezza della Macedonia qualsiasi cosa dell’universo, voleva forzare chiunque a diventare servitore terrorizzato dal suo appetito di conquista e, portandogli via a questo scopo corpo e spirito, gli avrebbe unicamente lasciato, in caso di trionfo, la sola libertà di cui non poteva privare le sue vittime: quella di piangere in segreto la miseria della propria sorte.

da Atene dinanzi a Filippo, in La roccia di Sisifo, Roger Caillois, Lucarini, 1990, a cura di Annamaria Laserra

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>