don’t ask

Le telefonate con mio cugino Igor avevano uno strano carattere dovuto all’ambito limitato delle nostre conversazioni. Igor non era solo taciturno. Come molti russi era una persona che rimuginava continuamente sul dolore collettivo mentre seppelliva dentro di sé quello individuale. Inoltre, il codice di comportamento russo vietava di porre domande che potessero suscitare nell’interlocutore una sensazione sgradevole, e non era nemmeno usuale gravare gli altri dei propri problemi privati.

da Veniva da Mariupol, Natascha Wodin, L’Orma Editore, trad. di Marco Federici Solari e Anna Ruchat

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>