Presso la gente comune intelligenza è sintomo di gravità e spesso di noia. Invece non ci si meraviglia mai abbastanza di com’è grave, noiosa e accademica la folla.

Le discussioni veramente malinconiche non sono quelle dei dotti, come crede l’opinione popolare, ma quelle della gente comune, degli sportivi e degli uomini d’affari, che sono caratterizzate da una spaventosa serietà anche quando trattano gli argomenti più futili (esempio tipico: caffè di Torino).

da Doppio diario 1936-1943, Guaine Pintor, Einaudi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>