Stamattina alle 7 i volontari di Baobab Experience si sono trovati ad affrontare un altro sgombero del presidio Baobab Experience a Piazzale Maslax e 80 migranti transitanti, dei 150 attualmente ospiti al campo informale, sono stati portati alla questura per l’identificazione. Polizia (auto+blindati+pullman), unitamente ai carabinieri (auto+blindati), hanno schierato un dispiegamento di forze tale che, se ciascuno di questi lavoratori fosse stato collocato alla scrivania dell’unico ufficio immigrazione di Roma, a Via Patini, non è facile immaginare quante procedure per asilo politico e relocation sarebbero avviate.

Naturalmente non manca l’AMA, in prima linea a far piazza pulita da tende, coperte, sedie e tavoli donati dalla cittadinanza, oltre ai documenti, ai soldi e agli effetti personali dei migranti.

La strategica operazione antiterrorismo di polizia e carabinieri al presidio Baobab mi ha ricordato quei loro colleghi che a Piazza Vittorio, tra uno sguardo e l’altro al cellulare, fermano le macchine guidate da donne sole o anziani con il cappello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>