Le tende nella casa del metafisico

Avviene che il fluire di queste tende
sia pieno di lunghi movimenti; come le ponderose
deflazioni della distanza; o come nuvole
inseparabili dai loro pomeriggi;
o il mutare della luce, il calare
del silenzio, ampio sonno e solitudine
della notte, in cui ogni movimento
è al di là di noi, mentre il firmamento,
sorgendo e declinando, scopre
l’ultima grandezza, ardita da vedere.

da Harmonium, Wallace Stevens, trad. di Massimo Bacigalupo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>