Leva dunque, lettore, all’alte rote meco la vista

Leva dunque, lettore, all’alte rote
meco la vista, dritto a quella parte
dove l’un moto e l’altro si percuote;

e lì comincia a vagheggiar nell’arte…

Cosa significherebbe per Dante la contemplazione dell’ordine universale, se non potesse chiamare altri uomini – tutti gli uomini, ch’egli vede come suoi lettori –  a guardare, a godere con lui, seguendo l’autorità e la perentorietà del suo cenno?

da Come s’insegna Dante, Bruna Cordati, Nistri-Lischi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>