palingenesi

Auguste Strindberg

Col sole io bramo sovente dall’alba fino al tramonto percorrere rapido l’orbita vasta, sovente seguire col canto il grande moto di adempimento dell’antica Natura,
E, come il capitano reca sull’elmo l’aquila in battaglia e
trionfo, così vorrei ch’ella mi portasse
Potente la brama dei mortali.
Ma abita pure un dio nell’uomo, sì ch’egli vede il passato e futuro e come dalla corrente a ritroso su nella montagna alla fonte egli vaga a diporto pei tempi
Dal muto libro delle sue gesta egli è noto al passato per
– – che offre, d’oro.

da Inni, Friedrich Hölderlin, Vallecchi, trad. di Leone Traverso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>