appunti per trentasei e dieci vedute n.36

veduta numero 36

I particolari riguardanti il dispositivo di verticalizzazione, malgrado il loro carattere lapidario, sono molto importanti poiché Plinio era certamente al corrente, come molti brani della sua opera stanno a dimostrare, di tutta una metafisica primitiva concernente l’ombra (soprattutto l’ombra distesa, a contatto diretto con la terra) e dei suoi legami con la morte. Bisogna andare in fondo nel testo per capire che la figlia di Butades alla vigilia di una partenza “fissa” per così dire, durante la notte, l’immagine del proprio caro in una verticalità che si vorrebbe perpetua, esorcizzando in tal modo il pericolo di morte e conservando presso di sé un’immagine compensatoria dell’assente reso “vivo” (“eretto”) in eterno.

da Breve storia dell’ombra. Dalle origini della pittura alla Pop Art, Victor I. Stoichita, Il Saggiatore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>