mi ricordo…

la scrittura la memoria

Spera che, per far uscire il figlio dall’autismo, ci sarà da qualche parte, come se il trauma fosse stato causato da un’amnesia, “lo spazio, l’ansa, l’orizzonte, la spiaggia, la diga ove potrebbe avvenire il miracolo” e che si troverà “sul mare un’isola, un atollo, uno scoglio, un capo ove improvvisamente tutto potrà succedere, ove tutto si squarcerà, tutto s’illuminerà, ove basterà un’aurora un po’ speciale o un tramonto o qualsiasi avvenimento di qualche uccello, un branco di balene, la pioggia, la calma assoluta, il torpore di una giornata torrida”.

da Georges Perec. La letteratura come gioco e sogno, Claude Burgelin, Costa & Nolan, cit.da W ou le souvenire d’enfance di Georges Perec

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>