n’ata vota?!

Rober Doisneau La sonnette 1934

Hai vissuto poco, eppure tutto è già detto, già finito (…) Avrai un bello scendere in strada e far volare via i cappelli della gente, coprirti la testa d’immondizie, andare a piedi nudi, pubblicare manifesti sparare rivoltellate al passaggio di qualche usurpatore, non servirà: è già pronto il tuo letto nel dormitorio del manicomio, il tuo coperto è apparecchiato al tavolo dei poeti maledetti. Vascello ebbro, miserabile miracolo: lo Harrar è un’attrazione da fiera, un viaggio organizzato. È tutto previsto, tutto pronto nei minimi particolari: i grandi slanci del cuore, la fredda ironia, lo strazio, la beatitudine, l’esotismo, la grande avventura, la disperazione.

da Un uomo che dorme, Georges Perec, Quodlibet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>