29 aprile 1913 (Pietroburgo)

vivian maier 2

Cara, non mi scrivi niente. Non so niente di te, se pensi di tornare, come e di che cosa vivi.
L’altro ieri è stato da me Stanislavski, è rimasto da me nove ore di file e abbiamo parlato senza interruzione. è straordinario, come sempre, naturalmente. Però, forse perché è molto invecchiato, forse perché in lui non c’è del mio e il mio non gli interessa, è risultato che non ha capito niente del mio dramma, non l’ha assolutamente recepito, non ha provato nessun sentimento. Si è anche scusato, aveva paura di danneggiarmi e così via, ha detto che non aveva capito e che bisognava considerare che gli avevo raccontato soltanto lo schema (dopo la lettura, gli ho raccontato tutto dall’inizio, spigandogli, come a un bambino; qualcosa ha capito, freddamente, ha improvvisato, ha recitato, da attore, è arrivato talvolta alla volgarità). Mi ha raccontato molte cose del suo studio, e oggi con la mamma vado a vedere un suo lavoro.
S. non mi ha “danneggiato”, il mio dramma mi piace, inoltre, parlandone con S., ancora una volta mi sono convinto che è giusto. Tuttavia è triste. Di nuovo devo tornare a scrivere tenendo tutto “nel cassetto” (…)

A.

da La fidanzata di lillà. Lettere a Ljuba, Aleksandr Blok, Editori Riuniti

One thought on “29 aprile 1913 (Pietroburgo)”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>