memoria e abitudine

Memoria e abitudine fanno parte dello stesso meccanismo della sensazione.
E persino (nella veglia) – le sensazioni si decifrano soltanto grazie alla memoria coordinata – o percezione chiara.
La memoria ridiscende continuamente. Essa risponde alla domanda: che cosa sta per accadere? – e – che cosa fare? Essa mi istruisce nella direzione dal passato verso il futuro.
L’abitudine è la stessa cosa ma nell’atto e negli stimoli automatici. (1905. Senza titolo, III, 498)

da Quaderni Vol.III – Memoria, Paul Valéry, Adelphi, trad.di Ruggero Guarini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>