de senectute

Rodin le Penseur, Edward Steichen

Perché la vecchiaia è malattia quando in giovinezza nulla s’è innestato, e si rimane sterili, soli e infelici. Ora son qua, vecchio e carico di tutti i miei ricordi, pieni, succosi e profumati, che fan piegare il ramo, e ad ogni brezza cadono, rotolano sul ripido pendio dei pochi anni che mi restano, mentre la mano cerca di fermarli, e mi riesce solo d’indicarli, d’esprimerli confusi e malamente.

da Retablo, Vincenzo Consolo, Sellerio

foto di Edward Steichen

a Lorenzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>