configurazione monegliese

 

Passato, futuro, ora, giorno, mese, anno: sono tutt’uno per me. Le varie fasi dell’infanzia e della maturità sono per me nient’altro che parole inutili. Significano qualcosa solo per la gente comune, per la marmaglia-sì, questa è la parola che cercavo- la marmaglia, per cui la vita, come l’anno, ha i suoi periodi definiti, le sue stagioni, e si inserisce nella zona temperata dell’esistenza. Ma la mia vita ha conosciuto sempre una sola stagione e un solo modo di essere.

da La civetta cieca, Sadègh Hedayat, Feltrinelli

One thought on “configurazione monegliese”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>