alba


Verità nei boschi, Lorenzo Gramaccioni

Ho abbracciato l’alba d’estate.

Sulla fronte dei palazzi ancora nessun segno di vita. L’acqua era morta. le zone d’ombra non lasciavano la strada del bosco. Ho camminato, risvegliando gli aliti vivi e tiepidi, e le gemme guardarono, e le ali senza rumore si levarono.

La prima impresa fu, nel sentiero già pieno di freschi e pallidi bagliori, un fiore che mi disse il suo nome.

Risi al wasserfall biondo che si scarmigliò attraverso gli abeti: dalla cima argentata riconobbi la dea.

Allora uno dopo l’altro sollevai i veli. Nel viale, agitando le braccia. Nella pianura, dove l’ho denunciata al gallo. Per tutta la città tra companili e cupole, lei fuggiva, e come un mendicante correndo sulle banchine di marmo, io l’inseguivo.

In cima alla strada, vicino a un bosco di lauri, cingendo la nube dei veli la strinsi, e un poco quel corpo immenso sentii. L’alba e il ragazzo caddero in fondo al bosco.

Al risveglio era mezzogiorno.

Da Illuminazioni, Arthur Rimbaud, SE Studio Editoriale, trad,di Cosimo Ortesta

One thought on “alba”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>