o femene guardate

Il sogno di Innocenzo III, di Giotto alla Basilica di San Francesco d’Assisi

 O femene, guardate a le mortal’ ferute!
Ne le vostre vedute el basalisco mustrate.
El basalisco serpente occide om col vedere
(lo viso envenenato sì fa el corpo perire),
peio lo vostro aspetto fa l’aneme perdire
a Cristo, dolce scire, che caro l’à comparate.
Lo basalisco asconnese, non se va demustranno,
non vedenno iàcese, non ne fa ad altrui danno;
peio ca ‘l basalisco col vostro deportanno,
l’aneme volneranno co le fals’ esguardate.
Co’ non pensate, femene, col vostro portamento
quante aneme a esto seculo mannate a perdemento?
Solo col disiderio, senz’altro toccamento
(pur che li èi en talento) l’aneme macellate.
Non vo pensate, femene, co’ gran preda tollite,
a Cristo, dolce Amore, mortal’ dàite firite?
Serve de lo diavolo sollecete i servite,
co le vostre scrimite mult’aneme i mannate.
Dice che accóncete, ché place al to signore,
ma lo pensier engànnate, ché ià non l’èi enn amore;
se alcuno stolto aguàrdate, sospizione àne en core
che contra lo so onore facci male trattate.
Lagna poi e fèrete, tènete en gilosia,
vòl sapere le locora e quign’ài compagnia;
porràte poi l’ensidie, sì tt’à suspetta e ria;
non iova diciria che facci en to escusate.
Or vide que fai, femena, co’ tte sai contrafare,
la persona tua picciola co’ la sai demustrare;
li suvarati mìttite, c’una gegante pare,
poi co lo stracinare copre le suvarate.
Se è femena paleda secundo sua natura,
arrosciase la misera non so con que tentura;
se è bruna, emblancase con far sua lavatura;
mustranno sua pentura, mult’aneme à dannate.
Mustrarà la misera c’aia gran trecce avolte,
la sua testa adornànnonse co’ fossen trecce accolte?
Oi è tomento fracedo oi so’ pizzole molte.
Cusì le gente stolte enganna con lor fraudate.
Per temporale avèneise che l’om la veia esciolta,
vide que fa la demona co la sua capavolta:
le trecce altrui compónesse, non so con que girvolta;
faràttece un’accolta, che pago en capo nate.
Que farà la misera pro aver polito volto?
Porràsece lo scorteco, ch’el coi’ vecchio n’à tolto;
armette lo coi’ morvedo, parrà titula molto.
Sì enganna l’omo stolto con lor falsificate.
Da poi che a la femena èli la figlia nata,
co’ la natura formala, pare una struciata;
tanto lo naso tirali, stregnenno a la fiata,
che ll’à sì reparata che pòzza far brigate.
So’ molte che pro omene non fo nullo aconciato,
delettanse enfra l’altre aver grann’aparato.
E non te pense, misera, che per van delettato
lo cor s’è volnerato de multe enfermetate?
Non n’ài potenza, femena, de poter preliare?
Ciò che non pòi con mano la lengua lo ssa fare;
non ài lengua a ccentura de saperle iettare
parol’ d’adolorare che passan le corate!
Non iacerà a dormire quella che ài ferita;
tal te darà percossa che non ne sirai leta;
d’alcun te darà enfamia, che ne sirai schernita
e menarai poi vita con molte tempestate.
Sospicarà maritota che non si’ de lui prena,
tal li verrà trestizia che i secarà onne vena;
accogliaràtte en cammora, che no ‘l senta vicina
quale ce ‘n trarai mena de morte angustiate!

Jacopone da Todi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>