per una modesta somma di denaro

foto di Alan Müller

Siamo al corrente perfettamente
dei riti che si perpetrano dentro
agli uffici costruiti
da lunghi ambulacri di scaffalature,
interessati come molti alla carriera,
in un certo senso anche intrisi
nella carta moschicida
per le copie conformi
e in tutta la gamma dei distinti saluti.

Ed è un segno di vita nondimeno
in questi luoghi di condizionamento
lo sciogliersi del quotidiano torpore
giusto all’ora di colazione,
dimostrativo che dalle alte finestre
neanche il sole riesce a penetrare

e tutto succede per modesta
somma di denaro, inadeguata
a produrre un buon dipendente,
né peraltro subito percepibile domani
svolgendo vitali nostre capacità.

da Siamo esseri antichi, Carlo Villa, Einaudi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>