lumini in acqua

Lumini in acqua, anime allontanate,
occhi che cercano altri occhi nelle onde,
si ritrovano, vogliono essere un corpo solo,
mescolano fra loro tutto, capelli, ginocchia, spalle,
ma gli manca sempre un pezzetto,
a donne e marinai, a questi volti spanati
le onde gorgogliano: non torneremo indietro,
voi siete tutti mare, i denti che mordono
pane speziato, le dita strette sul setaccio,
le facezie e le preghiere, deve restar sotto
quel che fa mangiare i pesci, cuoio
marcio, nonne e nipoti, la luna nuova.

Le creature si stringono in quel lucido
che le piccole sacche di onde fanno nel cappello
chiaro e dicono piano versi non strutturati,
come bambini piccoli, che specchiano per noi
il mondo che luccica per un solo istante

da Viagiar a casa mia, Fabio Doplicher, Caramanica Editore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>