quarto caprìzzio

chi xe quel povareto
che va tacado al muro?
el devi èsser sicuro
un gran disfurtunà

pien de bruti pensieri.
el ga el colaro suso,
la bareta sul muso;
fora solo, studà,

ghe pìndola d’i labri
un mezo spagnoleto.
chi xe quel povareto?
chi xe quel disgrazià?

mi, mi, mi son quel là!

 

da colori, virgilio giotti

 

 

One thought on “quarto caprìzzio”

  1. mi vengono in mente ‘ i veci’ con la loro arguta ironia che se la ridono e se ne stanno nell’allegria di chi fa del loro peso specifico il taglio crudo della vita.

    ciao Mila :)

Rispondi a ioletoini Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>