Lamento dei contrasti malinconici e letterari

Si può ancora amare, ma darsi con tutta l’anima
è una felicità che non si ritroverà mai più.

Corinne ou l’Italie

Lungo un cielo crepuscolaceo
Una campana angelisuzza in pace
L’aria esiliescente e matrigna
Che non perdonerà mai.

Laggiù, sul pendio dei bastioni,
Si profila una rozza-
Convalescente che bruca
Cocci di stoviglie; si fa tardi.

Chi m’ha amato mai? Io m’ostino
Su questo ritornello davvero impotente.
Senza pensare che son davvero sciocco
A farmi cattivo sangue.

Ho un fisico decente,
Un cuore di bimbo beneducato,
E per un cervello magnifico
Il mio non è male, sapete?

Ebbene, dopo aver pianto sulla Storia,
Ho voluto vivere un tantino felice;
Era domandar troppo, s’ha da credere;
Avevo l’aria di chi parla ebraico.

Ah, cuore mio, di grazia, lascia perdere!
Quando ci penso, in verità,
Mi vengono i sudori della spossatezza,
Roba da sprofondar nella sporcizia.

E tuttavia il cuore mi scalpita di genio
Perdutamente, mio Dio!
E se qualcuna vuole la mia vita,
Io non domando di meglio!

Ma va’, povera anima veemente!
Tuffati, essere, nei loro apatici Giordani,
Due frizioni di vita corrente,
e presto sarai esorcizzato.

Ahimè! chi me ne può rispondere?
Toh, sapete voi forse
Cos’è un’anima ipocondriaca?
Io ne ho una, e di prezzo modico.

Elena, io vago per la stanza;
E mentre tu stai prendendo il tè (o choppi egusi soup),
Laggiù, nell’oro d’un fiero settembre,
Rabbrividisco in tutte le membra,
Preoccupato della tua salute.

Mentre, dall’altra parte…

da Les Complaintes, in Poesie e prose di Jules Laforgue, Mondadori, a cura di Ivos Margoni

E., la strada per il pozzo è quella a scendere che trovi dopo la macchia di ginestre.

mea culpa

Secondo la formula indiana l’uomo pianta il seme e non bada alla sua crescita. Il seme germoglia e matura, e allora ciascuno deve mangiare del frutto del proprio campo. Non solo le nostre azioni, ma anche le nostre omissioni diventano il nostro destino. Anche le cose che non abbiamo saputo volere sono annoverate tra le nostre intenzioni e i nostri successi, e possono svilupparsi dando luogo a eventi di grande importanza. Tale è la legge del karma. Ciascuno diviene il proprio carnefice, ciascuno la propria vittima, e, esattamente come nel caso di Abu Kasem, il proprio zimbello. La risata del giudice è la risata che i diavoli all’inferno rivolgono ai dannati, che hanno pronunciato la propria sentenza e bruciano nel proprio fuoco.

dal racconto La babbucce di Abu Kasem, in Il re e il cadavere. Storie della vittoria dell’anima sul male, Heinrich Zimmer, Adelphi, a cura di Joseph Campbell

La giardiniera

In un giardino “in movimento” la figura del giardiniere ha un ruolo apparentemente debole (gli viene riconosciuto meno potere che in passato) e tuttavia centrale. Il giardiniere parte da quello che si trova sul terreno: questo qualcosa chiama in causa le sue conoscenze botaniche, zoologiche, entomologiche. Il problema è soprattutto decifrare i rapporti che si stabiliscono tra gli esseri viventi – le relazioni, i comportamenti. “Abitare” può essere una metafora appropriata per definire questo atteggiamento. “Sarà possibile (…) stabilire un territorio condiviso? Gli animali (…)accetteranno la mia presenza?”. Questa propensione all’ascolto non esclude l’intervento e ne costituisce anzi il presupposto. Il giardiniere introduce nuove specie. Taglia (o sceglie di non tagliare). Rimuove (o sceglie di non rimuovere). Ogni sua osservazione porta con sé un’azione.

da Manifesto del Terzo paesaggio, Gilles Clément, Quodlibet, 2014,  a cura di Filippo De Pieri

In altre parti del volume è detto del climax, in Europa verso la foresta: il raggiungimento di questa, può essere rallentato a beneficio delle piante che compaiono e spariscono prima, per la cura della biodiversità. Questo vale anche per noi, Sule.

Il compagno

Dvanov usciì per dare un’occhiata ai cavalli. Fuori lo rallegrò la vista d’un passerotto, affaccendato sopra una sostanziosa fatta di cavallo. Erano forse sei mesi che Dvanov non vedeva passerotti e mai aveva pensato dove fossero rifugiati. Molte cose buone erano passate oltre la povera mente augusta di Dvanov, anche la stessa sua vita spesso le scorreva intorno come un ruscello scorre intorno ad un sasso. Il passerotto volò sulla siepe. I contadini nostalgici uscirono dal soviet. Allora il passerotto si staccò dalla siepe e volando cinguettò il suo grigio canto da poveri.

(…)

I passerotti si affaccendavano intorno alle isbe, come animali da cortile. Per quanto belle siano le rondini, in autunno se ne volano via verso paesi lussureggianti, mentre i passerotti rimangono a condividere il freddo e la miseria degli uomini. E’ il vero uccello proletario che becca i suoi amari granelli. Le delicate creature della terra possono perire per le diuturne squallide avversità, ma quelle vitali come il contadino e il passerotto rimarranno e riusciranno a sopravvivere fino ai giorni caldi.

da Il villaggio della nuova vita, Andrej Platonov, Mondadori, trad. di Maria Olsufieva

Il risveglio di Don Chisciotte in Russia

“Compagno Kopenkin” proseguì Dvanov. “Sai che ti dico? Avrei voglia di andare in città. Aspettami qui, ci metterò poco. Per ora fai da presidente del soviet per non annoiarti, i contadini saranno d’accordo. Vedi anche tu come sono…”

“Tutto lì?” si rallegrò l’altro. “Vacci pure, fammi il piacere, ti aspetterò anche un anno. E farò da presidente, questo distretto va stuzzicato.”

Quella sera si abbracciarono in mezzo alla strada e tutti e due sentirono un irragionevole pudore. La notte stessa Dvanov avrebbe preso il treno.

Kopenkin rimase a lungo fermo sulla strada, perduto ormai di vista l’amico; poi tornò al soviet e pianse nel locale deserto. Tutta quella notte stette in silenzio senza dormire, il cuore spossato. Il villaggio intorno non si muoveva, non si faceva notare neppure con un suono, quasi avesse rinunziato per sempre al proprio destino che si trascinava avanti, spiacevole. Solo di tanto in tanto i salici spogli frusciavano nel cortile deserto del soviet rurale, permettendo al tempo di procedere verso la primavera.

Kopenkin osservava le tenebre agitarsi fuori dalla finestra. A volte erano percorse da una pallida luce appassita odorante di umidità e di noia del nuovo giorno desolato. Forse era il mattino vicino o forse uno smorto raggio errante della luna. Nel lungo silenzio della notte l’uomo andava insensibilmente allentando la tensione, quasi rinfrescato dalla solitudine. A poco a poco nasceva nella coscienza una flebile luce di dubbio e di compassione per se stesso. Rivolse la memoria a Rosa Luxemburg, ma vide solo una donna smagrita in una bara, simile ad una puerpera estenuata. Non sorse in lui la tenera passione che gli dava al cuore un trasparente leggero vigore.

Stupito e sgomento egli si andò avvolgendo di firmamento notturno e di pluriennale stanchezza. Non si vedeva nel sogno e se si fosse visto avrebbe preso paura: sulla panca dormiva un vecchio esausto con profonde rughe da martire su un viso estraneo, un uomo che in tutta la sua vita non aveva fatto il minimo bene a se stesso.

da Il villaggio della nuova vita, Andreij Platonov, Mondadori, trad. di Maria Olsufieva

11 novembre 1765

(…) quel che ieri mi rendeva il mondo un inferno, oggi me lo trasforma in paradiso, e continuerà così finché non riuscirà più a renderlo né l’uno né l’altro. (…)

dalla lettera di Johann Wolfgang Goethe a Ernst Wolfgang Behrisch nella raccolta Mirabile libro è il mondo. Lettere di passione ed esperienza, L’orma Editore, a cura di Marco Federici Solari

sotto il doppio mento di Carlo Emilio Gadda